Jonny Groove e Jovanotti, il remix di "Sabato" è l’hit di Capodanno!

Chi meglio di Jonny Groove poteva rispondere all’appello di Jovanotti di remixare il suo ultimo singolo “Sabato”? Emblema del “popolo della notte” che invade le discoteche fino all’alba, Jonny Groove ha subito colto l’occasione di reinterpretare l’ultimo singolo di Jovanotti concentrandosi sul “Sabatosera” il momento clou della settimana dei discotecari di tutto il mondo. Jovanotti ha apprezzato (e twittato): l’hit di Capodanno è servita.

D’altra parte quello di Groove è uno dei personaggi più amati di Giovanni Vernia, il quale gode, tra l’altro, di un fortissimo seguito in Rete. Vernia poi non è nuovo a questo genere di operazioni musicali e i precedenti “Essiamonoi”, singolo e compilation, e “Move It” si rivelarono subito delle hit di grande successo.

Nella versione di Jonny Groove il ritornello di Lorenzo, “è sempre sabato” diventa “è sempre sabatosera”. Anche il video Sabatosera RMX, realizzato dallo stesso Vernia, è un remix della clip originale reinterpretata dalla mente “deviata” di Jonny Groove in chiave immancabilmente discotecara, con se stesso, munito degli immancabili pantaloni muccati, alla testa di fiumi di giovani scatenati all’urlo “E’ sempre Sabatosera”.

Michael Schumacher piange: una speranza per famiglia e tifosi

Siamo allo scadere dell’anno dal brutto incidente sugli sci che ha sconvolto la vita di Michael Schumacher e della sua famiglia. Trecentosessantacinque giorni dopo sulla salute del campione tedesco regna l’incertezza, impossibile parlare di prognosi e varcare la riservatezza chiesta dalla moglie. Ma c’è una speranza: Schumi piange, talvolta e misteriosamente, ma piange. Un segno di vita che è una speranza per tutti, tifosi, moglie e figli.


Il dettaglio, piccolo ma importantissimo, lo ha rivelato il nostro Giorgio Terruzzi in un articolo apparso sul Corriere della Sera. Nella sua stanza Schumacher piange, si commuove quando sente i figli, la moglie o i suoi cani, che finalmente possono trovare in un piccolo gesto una corrispondenza con l’uomo che da un anno stanno accudendo con fatica e dedizione. Nessuno si è mai rassegnato e Schumi con questo gesto dimostra che sta ancora lottando, vincerà. Dati certi per una prognosi, una previsione, un commento non ce ne sono, sappiamo solo che il tedesco è assistito da una squadra efficiente per sconfiggere una grande ingiustizia trovata sugli sci. La sua famiglia l’aspetta, i tifosi e anche noi, con fiducia.

Grecia, traghetto in fiamme: incendio sotto controllo, ma soccorsi restano difficili

Incubo in mezzo all’Adriatico: un traghetto della compagnia italiana “Vismar di Navigazione” con a bordo oltre 450 persone è in fiamme e alla deriva tra l’Albania e l’Italia dopo che un incendio sviluppatosi dal garage ha interessato diversi ponti della nave. Al momento l’incendio sarebbe stato isolato al ponte 5, anche se le fiamme continuano a vedersi anche a distanza.
Scialuppe in acqua alle prime ore del giorno – L’allarme è scattato nelle prime ore della mattina quando il traghetto si trovava ad una ventina di miglia dalle coste albanesi: le fiamme hanno cominciato a divorare tutto quel che incontravano sul loro percorso, costringendo il comandante a dichiarare l’abbandono della nave. 150 persone sono riuscite a mettersi in salvo a bordo delle scialuppe di salvataggio e successivamente sono stati trasferiti su un mercantile che si trovava nella zona e che ha raccolto l’allarme.

Navi dirottate in zona, ma condizioni meteo rendono difficili i soccorsi – Immediati sono scattati i soccorsi: dalla Grecia e dall’Italia sono partiti elicotteri e motovedette e sulla zona dell’incidente sono stati dirottati almeno una mezza dozzina di navi civili. Le operazioni per evacuare le centinaia di persone a bordo, però’, sono rese molto difficili dalle pessime condizioni meteo: sia i mezzi in mare, sia gli elicotteri della Marina e dell’Aeronautica oltre al mare forza otto, con onde di 5 metri, hanno trovato in zona un violento temporale e una visibilità molto scarsa.

Una motovedetta delle Capitanerie di Porto è riuscita ad arrivare sotto bordo ma non ha potuto ancora iniziare le operazioni di evacuazione. Un elicottero è invece riuscito a portare in salvo 8 persone, di cui 3 bambini e 4 donne, che si trovano nella base dell’Aeronautica a Galatina (Lecce) assieme alla prima persona che era stata trasferita dalla nave, in italiano di 58 anni di origine albanese e che era rimasto ferito in modo lieve: sono state visitate dai medici e sembrano tutti in condizioni non preoccupanti, manifestando soltanto dei sintomi di ipotermia.

Un passeggero: “Le scarpe iniziavano a fondere” – “Le nostre scarpe avevano iniziato a fondersi mentre eravamo nella zona della reception”. Lo ha raccontato alla tv greca Mega uno dei passeggeri tratti in salvo. L’incendio si è sviluppato nel garage dove c’erano circa 195 vetture. Versioni contrastanti sul numero delle persone a bordo: secondo le autorità di Atene, in tutto sul traghetto c’erano 478 persone, 268 di nazionalità greca. I membri dell’equipaggio sarebbero 56, 34 greci e 22 italiani.

Renzi: “Con Samaras seguiamo la vicenda” – Su quanto sta accadendo è intervenuto anche il premier italiano, Matteo Renzi. “Stiamo seguendo la vicenda del traghetto tra Grecia e Italia, in contatto con il premier Samaras e con il massimo coinvolgimento della nostra Marina”, ha scritto il presidente del Consiglio su twitter.

Heather Parisi: "Ho detto no a due talent"

E’ mamma di quattro figli, vive in Cina con il marito e manca dalla tv da tantissimi anni. Riecco Heather Parisi che in una intervista al settimanale “Gente” parla della sua nuova vita e racconta di voler tornare a lavorare in Italia. Anche se il ruolo di giudice nei talent non le piace: “Nei mesi scorsi mi hanno chiesto di sedermi nella giuria di due show ma ho detto no”.

“Ci ho pensato su, ho detto no grazie – racconta la showgirl – Sono dinamiche che non mi scaldano il cuore, spettacoli che non seguo. Giovani presi e dati in pasto al pubblico senza costruirci sopra una carriera. Tutto di fretta, tutto di corsa. Se penso che noi, per costruire due balletti, lavoravamo una settimana intera dodici ore al giorno…”.

Heather ha però voglia di tornare a lavorare in tv: “A volte, quando arriva qualche telefonata di lavoro dall’Italia, spero sia così poco allettante da non farmi cadere in tentazione e portarmi via da questo mio bellissimo mondo. Intendiamoci, l’idea di tornare in tv non l’ho abbandonata, ma ho il privilegio di poter scegliere se lavorare o no. Ormai manco da sei o sette anni, non ricordo neanche più. Se la proposta ha un senso, una coerenza con la mia storia professionale, volentieri, se no me ne resto felicemente qui a districarmi tra corsi di tennis, kung fu e compiti a casa”.

Il figlio di Ronaldo e la bella maestra 27enne. La foto fa il giro del web: ma lui ha 14 anni

Tale padre tale figlio. E così Ronald, figlio del fenomeno del calcio Ronaldo e di Milene Domingues, è comparso sui social con la sua nuova fiamma. Niente di strano se non fosse che il giovane brasiliano è fin troppo giovane: ha solo 14 anni, mentre lei ne ha 27.
Ronald e Lu Bernardi, giovane maestra brasiliana, si sono conosciuti in discoteca e, a quanto scrivono i giornali brasiliani, il ragazzo avrebbe dimostrato grande intraprendenza, nonostante la giovanissima età.

Finita al centro della polemica, Lu ha provato a difendersi: “Giuro che non sapevo della sua età. Quando ci siamo conosciuti era il più alto tra tutti i presenti, come potevo pensare che un ragazzone di 1,85 fosse minorenne? Mi ha mentito, dicendomi di avere 18 anni, io non mi sono accorta di niente neanche dalle sue parole, sembrava molto maturo”.

Legge di Stabilità, dalle imprese alle famiglie: ecco cosa cambia

Il bonus da 80 euro diventa strutturale e viene affiancato dal bonus bebè, il Tfr si potrà chiedere in busta paga e le nuove assunzioni saranno facilitate da sgravi Irap: ecco le norme principali della legge di stabilità che potrebbe ottenere il via libera finale in serata.  

 FAMIGLIE
 
– BONUS. Diventa strutturale il credito d’imposta Irpef per i lavoratori dipendenti: 960 euro per redditi sotto 24mila euro.
– BONUS BEBÈ e FAMIGLIE – Dal 2015 al 2017 arrivano 960 euro al mese per i nuovi nati se l’Isee familiare non supera i 25 mila euro.45 mln di euro vengono poi destinati per spese per il mantenimento dei figli di famiglie con Isee sotto gli 8.500 euro. Ok anche a 5 milioni per le adozioni internazionali.

– CASA. Niente aumento Tasi anche per il 2015.
– SCUOLA. Arriva il Fondo «La buona scuola». 1 miliardo di euro per il 2015 per un piano straordinario di assunzioni. Sì anche a 200 milioni di euro da destinare per le paritarie.
– TFR BUSTA PAGA – Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori dipendenti del settore privato possano richiedere la quota maturanda del trattamento di fine rapporto in busta paga.
– CASSE E FONDI PENSIONE. La tassazione sulle casse previdenziali sale al 26% e quella sui fondi al 20%. Possibile un credito d’imposta che le fa scendere rispettivamente al 20 e al 11% purchè i rendimenti siano investiti in economia reale.
– ECOBONUS. Proroga delle detrazioni per ristrutturazioni, riqualificazioni energetiche e interventi antisismici.
– AMMORTIZZATORI. 2,2 mld di euro per il 2015-2016 e 2 mld annui dal 2017 in attuazione del Jobs act.
– BLOCCO CONTRATTI P.A. Ancora nessun rinnovo fino al 2016.
– E-BOOK. Ok all’Iva al 4% anche per i libri elettronici.
– CANONE RAI. Niente aumenti. Si pagherà come nel 2014.
– ETEROLOGA. Sì al Registro nazionale dei donatori di cellule riproduttive per la procreazione di tipo eterologo. SOCIALE
– DA NON AUTOSUFFICIENZE A SCREENING NEONATALE. Arrivano 400 milioni per il fondo non autosufficienze, 20 milioni per l’inserimento al lavoro disabili e 5 per lo screening neonatale.
– SOCIAL CARD. Il Fondo aumenta di 250 milioni all’anno.
– EDILIZIA SOCIALE. 130 milioni fino al 2018 per l’edilizia residenziale pubblica e sociale.
– IMMIGRATI. Aumenta di 187,5 milioni di euro annui dal 2015 il Fondo nazionale per le politiche ed i servizi di asilo.
– PATRONATI. Ridotto a 35 milioni il taglio dei fondi ai patronati, che però vengono riformati.
– PARTITI. Rafforzate le norme per detrarre i versamenti in favore dei partiti, anche tramite donazioni.
– ELECTION DAY. Ok alle elezioni amministrative e regionali a maggio. Risparmio stimato circa 100 milioni. IMPRESE
– FONDO GARANZIA PMI. La garanzia è destinata a tutte le imprese sotto i 499 dipendenti, non più solo alle piccole.
– FONDO PER ASSOCIAZIONI IMPRESE- Il fondo passa da 5 a 10 milioni di euro per promuovere la digitalizzazione.
– IRAP E COSTO DEL LAVORO. Deduzioni per il costo complessivo del personale dipendente. L’agevolazione vale anche per le imprese senza dipendenti, come gli artigiani, grazie ad un credito d’imposta Irap, pari al 10%, utilizzabile in compensazione. Abrogato il taglio Irap previsto nel dl Irpef.
– CREDITO D’IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO. Ne beneficiano tutte le imprese e non più solo quelle con fatturato sotto i 500 mln di euro ma scende dal 50% al 25% delle spese in più rispetto agli investimenti dei tre anni precedenti. Raddoppia, a 5 mln di euro, il tetto massimo del credito, la durata sale a 5 anni.
– PATENT BOX. Nuova tassazione agevolata per i redditi derivanti dall’utilizzo e/o dalla cessione di brevetti o marchi.
– MINIMI. Per le partite Iva arriva un regime forfettario di con un’aliquota unica del 15% e soglie di ricavi diverse: da 15.000 euro per le attività professionali a 40.000 per il commercio. Potranno accedere anche i redditi di natura mista.
– SGRAVI PER ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO. Per tutti i nuovi assunti nel 2015, i datori di lavoro saranno esonerati, per massimo 36 mesi, dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico al massimo per 8.060 euro all’anno.Sgravi anche per le assunzioni di lavoratori in mobilità.
– MADE IN ITALY – Arrivano altri 130 milioni di euro per il 2015, 50 milioni per il 2016 e 40 milioni per il 2017.
– NUOVA LEGGE SABATINI. Incrementato da 2,5 a 5 mld di euro il plafond massimo che la Cdp può mettere a disposizione delle banche per il finanziamento delle piccole e medie imprese.
– REVERSE CHARGE. Inversione contabile Iva anche per settore edile ed energetico nonchè per supermercati e discount.
– RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPATE. Stop entro il 2015 alle partecipazioni non indispensabili a finalità istituzionali e quelle in società con attività analoghe a quelle svolte da altri enti. Stop alle società di soli amministratori o con un numero di amministratori superiore a quello dei dipendenti. PRIVATIZZAZIONI
– POSTE. 535 milioni in attuazione di una sentenza Ue sugli aiuti di Stato . Rivisto il servizio universale: il postino suonerà meno e l’Agcom fisserà nuove tariffe.
– FS. Arrivano le norme per la cessione della rete elettrica Fs a Terna. ENTI LOCALI E REGIONI
– DIPENDENTI PROVINCE. Per i primi due anni i lavoratori delle Province saranno ricollocati in altri uffici pubblici di Comuni e Regioni. Dal 2017 scattano le procedure di mobilità.
– COMUNI E REGIONI. Resta il taglio per oltre 1 miliardo ma sono ammorbiditi da una serie di agevolazioni. Idem per le Regioni. Tra queste,allentamento del patto di stabilità interno e rinegoziazione dei mutui.

fonte

Belen, rimosso il cartellone in intimo supersexy. I vigili: "Distraeva gli automobilisti"

Sarà stato per le maxi dimensioni del cartellone pubblicitario o per le forme hot di Belen riprese in tutto il loro splendore. Fatto sta che la pubblicità di una casa di intimo con protagonista la showgirl argentina ha mandato in tilt il traffico milanese ed è stata tolta.  La maxi affissione posta su Corso Buenos Aires all’altezza con via dei Palazzi è stata rimossa dalla polizia locale: “Il cartellone è pericoloso – spiegano – perché distrae gli automobilisti“. 


In effetti negli scatti pubblicitari Belen non lascia spazio all’immaginazione, con il suo lato B esplosivo e il décolleté super hot. Il sexy spot potrebbe essere sostituito da una più innocua pubblicità di un profumo.

fonte

Mediaset, è guerra tra Barbara D’Urso e Federica Panicucci: "Non si salutano"

Scontro silente tra le regine di Canale Cinque: Federica Panicucci e Barbara D’Urso
 Non è una novità che tra le due conduttrici non scorra buon sangue ma sembra, stando alle rivelazioni di Platinette, che l’astio continui. Dopo lo scabio di conduzioni a Pomeriggio Cinque, la perdita della corona per la D’Urso a Mattino Cinque, ci sarebbe stato anche un altro motivo di lite.

 La Panicucci doveva tornare sul piccolo schermo con “Tutti dicono I Love You”, una trasmissione dedicata completamente all’amore. Il progetto è saltato ma Barbara ha deciso di inaugurare la nuova rubrica “Dimmi di sì” all’interno di Domenica Cinque.  

Platinette, inotre, svela che le due signore di Canale Cinque non si saluterebbero nemmeno nei corridoi di Mediaset, ignorandosi anche se a pochi centimetri di distanza. 

fonte

Arnold Schwarzenegger è di nuovo Terminator

Arnold Schwarzenegger torna al cinema nel ruolo che l’ha reso famoso. L’ex governatore della California veste infatti di nuovo i panni di Terminator in “Terminator Genisys“. L’attesissimo reboot di Alan Taylor arriva nelle sale a luglio 2015 e vede nel cast Jason Clarke, Matt Smith, Emilia Clarke, Jai Courtney, J.K. Simmons e Byung Hun Lee. Ecco il trailer italiano.
  L’epica saga che ha segnato un’epoca si arricchisce di un nuovo capitolo. Quando Kyle Reese viene mandato indietro nel tempo da John Connor per salvare la madre, minacciata dagli androidi di Skynet, nulla è come ci ricordiamo: il luogotenente scoprirà finalmente la vera storia di Sarah Connor, adottata proprio da Terminator, e cresciuta sotto la sua protezione, addestrata ad affrontare un destino a cui fino all’ultimo cercherà di ribellarsi.

fonte